Paolo Fresu Coro A Filetta e Daniele Di Bonaventura Ravello Festival

Paolo Fresu, Coro A Filetta e Daniele Di Bonaventura al chiaro di luna di Ravello.

Paolo Fresu Coro A Filetta e Daniele Di Bonaventura Ravello FestivalRavello 30 agosto 2018 – E’ una serata caldissima qui a Ravello, non si muove un filo d’aria nell’attesa del concerto di stasera, che vede protagonisti musicisti fini e coraggiosi, mossi dall’amore sconfinato per i suoni, per la poesia e per la giustizia. Questo li rende unici nel palinsesto di qualunque festival ma qui a Ravello l’originalità nella scelta dei programmi gioca un ruolo fondamentale.

Paolo Fresu, il Coro a Filetta e Daniele Di Bonaventura sono qui stasera per proporci il loro nuovo progetto Danse, Memoire, Danse, dopo Mistico Mediterraneo (pubblicato da ECM) ci portano una nuova esperienza musicale che unisce i suoni della Corsica, del mediterraneo e del continente africano, abbracciando le idee di due importanti pensatori diventati il fulcro letterario di questo progetto: Aimé Césaire, immenso poeta, drammaturgo e poi politico, discendente di schiavi africani che coniò il termine “negritudine” nel 1935 e che diede vita all’omonimo movimento letterario, culturale e politico delle colonie francofone; e Jean Nicoli, semplice maestro che insegnò nell’alto Senegal alla fine degli anni ’20 e che tornato in Corsica fu parte attiva della resistenza fino alla sua morte per decapitazione nel 1943.

Paolo Fresu Ravello Festival 2018In questo spettacolo i due pensatori vengono uniti nelle loro idee di giustizia e libertà, in una musica mai sentita, che mescola sonorità uniche fra tradizione e improvvisazione.

La cornice del Belvedere di Villa Rufolo fa da sfondo mentre guadagnano il palco prima i musicisti e subito dopo i cantori. Il coro comincia intonando armonie composite accompagnato dal bandoneon, quando poi entra la tromba e si infila su una nona, una tensione dolce in fondo, ma che nella già complessa armonia delle sei voci rafforza l’intreccio. Poi il coro costruisce un ostinato a incorniciare l’assolo di tromba, in un momento siamo nel loro mondo.

Fresu, anche se sardo e quindi con tradizioni corali differenti da quelle della Corsica, con i suoi strumenti si comporta come una settima voce, si inserisce perfettamente, pur regalandoci assoli molto ispirati e raffinati, come è nel suo stile, quello di artista poetico e umano.

Direttore del coro A Filetta è Jean-Claude Acquaviva che in una breve introduzione al terzo brano ci racconta la storia dei due pensatori, facendo apparire chiaramente le motivazioni che li hanno portati in primo piano in questo progetto, prima fra tutte l’onestà intellettuale.

Daniele Di Bonaventura Ravello Festival 2018L’empatia che si percepisce tra Fresu e Di Bonaventura è immediata, costruiscono lunghe introduzioni in rubato improvvisando l’uno sull’altro con gli strumenti ma anche percuotendo superfici risuonanti, microfonate, per dar loro l’occasione di creare ritmi improvvisati nutriti dai singoli momenti. E quando, su un assolo di flicorno, Fresu sta creando atmosfere uniche e rarefatte, compare la luna, da dietro la scogliera, grande, del colore delle arance, e si alza una brezza rigenerante, qui a Ravello non ce n’è più per nessuno!

A Filetta è di una precisione impeccabile e ci accompagna alla scoperta delle loro tradizioni in senso armonico e compositivo. Una esperienza illuminante.

Di Bonaventura accompagna l’intero concerto con rispetto e creatività ad uno strumento, il bandoneon, che ispira calore umano e nostalgia per definizione, ma è capace di sottolineare con forza e carattere percussivo.

L’ultima immagine è quella del bis, un brano dedicato all’isola della Corsica, nel frattempo la luna si è alzata ed il suo riflesso sull’acqua è scenografia naturale qui a Ravello, come vuole la tradizione di Villa Rufolo nelle notti d’estate.

Alessandra Stornelli www.alessandrastornelli.com

Fotografo: Massimo Cuomo www.fotografiaessenziale.com / www.grafica999.com

 

Paolo Fresu Coro A Filetta e Daniele Di Bonaventura al Ravello Festival 2018

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Potrebbe interessarti...

Giacomo Casaula, la versatilità della parola

«Il teatro è stato la scintilla da cui è nato tutto.» A parlare è Giacomo Casaula, attore, performer, scrittore, autore e direttore artistico. Il Covid non ha fermato l’estro creativo dell’eclettico artista che nato a Napoli il 27/10/1992 da genitori napoletani, vive a Cava de’ Tirreni.

Leggi Tutto »