La V edizione dell’evento Napoli Pizza Village, promosso dall’Associazione Pizzaiuoli Napoletani con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, che gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, si svolgerà sul Lungomare partenopeo da martedì 1° a domenica 6 settembre 2015. La manifestazione, che gode del sostegno del Comune di Napoli e del patrocinio della Regione Campania e della Provincia di Napoli, vedrà protagoniste 50 pizzerie storiche napoletane che realizzeranno il prodotto gastronomico più noto al mondo.

npv-logoL’evento che ha raggiunto una forte connotazione di attrattore turistico e promotore del territorio, come confermano i numeri dell’edizione 2014 (una crescita di turisti del +15% secondo associazione albergatori; +7% associazione ristoratori; +9% dai trasporti su ferro e voli), ospiterà nelle prime due giornate, 1° e 2 settembre, il XIV Campionato del Mondo del Pizzaiuolo – Trofeo Caputo. Protagonisti oltre 500 pizzaiuoli provenienti da tutto il mondo per aggiudicarsi i titoli iridati in ben 8 categorie differenti.

Ma protagonista della manifestazione resta la pizza, realizzata dai migliori pizzaioli delle 50 storiche e più prestigiose pizzerie napoletane, che sarà al centro dell’intero programma dell’evento. Un menù completo da 12 euro, che comprende pizza, bibita, caffè, dolce o gelato in vendita ad una delle 24 casse, consentirà ai consumatori di scegliere la pizzeria preferita. Lo stesso ticket per il menù sarà in vendita anche online grazie all’iniziativa Pizza On Line – Salta la fila che può essere acquistato sul sito www.pizzavillage.it.

Principale punto d’intrattenimento della manifestazione, che ha accesso gratuito per tutti, sarà il palco. Un folto programma di eventi, spettacoli e musica realizzato dall’organizzazione vedrà in cartellone la partecipazione di personaggi del calibro della Nuova Compagnia di Canto Popolare, , Fabio Concato, Gigi e Ross di Made in Sud, Maurizio Casagrande e Lino D’Angiò,. La musica di Radio Pizza Village – che si avvarrà della voce della nota speaker Ida Di Martino – accompagnerà tutte le serate dal palcoscenico che vedrà ospiti, nella serata finale, alcuni personaggi del Radio Kiss Kiss show.

Dopo il grande successo dello scorso anno ritorna il corso per adulti di pizza. Grazie alla partecipazione del noto brand Rossopomodoro si svolgerà anche per l’edizione 2015 “La Scuola di Pizza di Casa Rossopomodoro” che prevede 18 lezioni, ognuna da 16 posti, per imparare tutto, dall’impasto alla cottura, perfino nel forno di casa. Ben 19 i Maestri pizzaioli che si alterneranno per tre lezioni al giorno –  dal 1° al 6 settembre alle 18.30, 20.30 e  22.30. La quota di partecipazione, con prenotazione obbligatoria al sito www.lezionidipizza.com, è ad offerta libera a partire da 10 euro a persona. L’incasso sarà, interamente devoluto in beneficenza all’Onlus “Un cuore per amico” del professor Carlo Vosa.

Anche quest’anno Napoli Pizza Village sarà sede e protagonista della campagna per la raccolta di firme per l’inserimento dell’Arte dei Pizzaiuoli Napoletani nella lista mondiale del Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità. Nel 2014 partì da NPV la petizione e la campagna #pizzaunesco proposta e lanciata da Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell’Agricoltura e Presidente della Fondazione UniVerde. Dopo oltre 300 mila firma e 200 personalità che hanno sottoscritto la petizione si è ottenuto a marzo la candidatura ufficiale. Dal 1° di settembre al NPV ci sarà lo stand Pizza Unesco, nel padiglione centrale, per proseguire nella raccolta di firme così come in tutte le 50 pizzerie presenti, ma anche una serie di conferenze e convegni sul tema e persino un collegamento via skype con le pizzerie collegate dal mondo.

Molte le partnership che accompagnano l’edizione 2015, a cominciare dall’adesione in qualità di main sponsor del brand Ferrarelle, a quelle dei vettori Meridiana e Frecciarossa. Ancora una volta il title sponsor del Napoli Pizza Village sarà l’azienda Molino Caputo.

“Il presente sito non è un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare” e per questo non è tenuto alla registrazione presso il tribunale.
Iscriviti alla Newsletter