Un’ ora e mezzo di  trip hop raffinato la performance dei Massive Attack, lo scorso 27 luglio a Napoli, tappa finale del tour italiano con cui portano in giro il nuovo ep Ritual Spirit che segna il ritorno della collaborazione con Tricky (Take it There) oltre a quella con Roots Manuva (Dead Editors).

Fondatori dello stile nato negli anni ‘90 che mescola generi musicali diversi, attingendo dal jazz, hip hop, rock ed elementi soul,  il duo di Bristol ha ipnotizzato il pubblico della Arena Flegrea, strapiena per l’occasione.

Massive Attack

Massive Attack

A riscaldare l’ambiente una band “di casa”: gli Almamegretta. La loro collaborazione con il collettivo britannico nel ‘95 diede vita a Karmacoma (Napoli tirp), storico pezzo dei Massive Attack in versione remixata che si carica del carattere sanguigno del Vesuvio.

Le luci sul palco calano e la denuncia politico-sociale, passionale, a tratti rabbiosa, degli Almamegretta, al completo della carnale e vigorosa voce di Raiz, diventa, con l’ingresso dei Maestri del Trip, elegante, distinta, intellettuale, profonda, coinvolgente; una presenza scenica, notoriamente algida ed asettica, sottolineata dalla voce sottile e fredda di Robert Del Naja e dall’uso preciso di un linguaggio multimediale forte ed efficace che trasforma il concerto in una sorta di video installazione in cui il pubblico ne è parte integrante.

Il buio è illuminato dalla raffica di informazioni, dati notizie, immagini sature di rosso, pescate a caso nel flusso della informazione globale; pulsano rapide sul ledwall, violentando gli occhi, penetrando dritto al cervello, definendo un quadro minuzioso e spietato della realtà in cui viviamo: ironici slogan politici, i primi piano degli occhi di Putin ed Einstein ed il grido “Je suis Charlie, Paris, Orlando, Bruxelles, Istanbul, Nice, Baghdad, Bangladesh, Kabul, Prete”. La sensazione di inquietudine che provoca la velocità con cui si alternano rapidi i dati, sostenuti da una grafica minimale ma efficace e la solitudine provocata dalle rivendicazioni proiettate, è annullata dall’avvolgente flow di Daddy G che sembra riuscire a colmare il bisogno di rimanere uniti rendendo la platea un’unica entità, attenta e predisposta a recepire, ad ascoltare, a pensare; ne viene fuori la Consapevolezza, rassicurante e terrificante allo stesso tempo che  “Siamo tutti in questa situazione insieme”.massive-attack-napoli-arena-flegra-27-luglio-2016-antonella-panella-antonella-panella-5

Il distacco algido degli artisti col pubblico è colmato dai pochi interventi, tutti in italiano, di de Naja. “Ciao amici. Ciao Napoli. Ciao famiglia. Da quanto tempo! Che bello essere qui!”. ha esclamato il musicista di origini napoletane. Ma l’ovazione della folla arriva con l’allusione al recente ”tradimento” calcistico di Higuain, “È meglio non parlare di calcio stasera. Gonzalo, Gonzalo!! C’è sempre Marekiaro” ha scherzato usando un simpatico gioco di parole, Robert, tifoso del Napoli.

Certo tecnicamente un concerto ormai da anni simile agli altri ma è il carisma della band inglese, la sensibilità e la capacità di affondare in profondità le mani raccogliendo dalle inquietudini e dalla desolazione del tempo miscelando a esse le risorse possibili che rende estremamente attuali le performance dei Massive Attack.

Antonella Panella

“Il presente sito non è un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare” e per questo non è tenuto alla registrazione presso il tribunale.
Iscriviti alla Newsletter