Mercoledì 1 giugno 2016 sul palco del Soundgarden, il giardino urbano del suono collocato all’interno della Mostra d’Oltremare (entrata da viale Marconi) protagonisti saranno i 2 Many Dj’s (start 20,30 aperitif con: Cipolletta, Jo Fer, Gio Nardi, Dj Fresh. Biglietti disponibili online su Boxol.it e in tutti i punti vendita autorizzati (POSTO UNICO 15.00+2.25 – lista qui – http://www.go2.it/rivenditori.php ). David e Stephen Dewaele, già leaders dei Soulwax, reduci dall’incredibile successo di Radio Soulwax, sono diventati dei miti nell’ambiente dei DJ e dei clubber. Questo è quanto accade grazie al progetto 2 Many DJ’s, che prende vita nel 2002 quando i carismatici fratelli Stephen e David Dewaele, frontman e chitarrista della rock band Soundgarden Mostra D'oltremarebelga Soulwax, si dedicano a una serie di sessioni di mix eseguite alla radio. Tutto il materiale ricavato viene poi raccolto dagli intraprendenti fratelli e rielaborato al computer grazie a speciali software di editing audio. Dopo settimane di lavoro fatto di slanci creativi, sperimentazione musicale ma anche minuziosi taglia e cuci digitali, il disco acquista una sua forma, un suo senso e un nome “As Heard On Radio Soulwax, Pt. 2”.

BIO – I Soulwax, gruppo fondato dai fratelli David e Stephen Dewaele, sono una rock band proveniente da Gand, Belgio. Rock è senza dubbio un termine troppo restrittivo per una band che dall’esordio Leave the Story Untold (1996), passando per Much Against Everyone’s Advice (1999) ed il recente Any Minute Now (2004) ha virato lentamente verso suoni dance o comunque prossimi alla musica elettronica da dancefloor, prova evidente di ciò l’ultima uscita Nite Version, in cui i brani di Any Minute Now vengono rivisitati in chiave dance, ma soprattutto il lungo cammino dei 2 Many DJs ovvero proprio i due fratelli Dewaele che si divertono ai piatti mixando con abilità brani di qualsiasi genere, da Madonna ai Nirvana, da Iggy Pop ai Salt’ N’ Pepa passando per Beyoncé e gli LCD Soundsystem. Nel 2004 il cantautore italiano Mango, esegue una cover di Saturday inserendola nell’album “Ti Porto In Africa”.

Il Soundgarden, il giardino urbano del suono collocato all’interno della Mostra d’Oltremare (entrata da viale Marconi) riapre i battenti per il secondo anno consecutivo giovedì 26 maggio 2016 con un opening party (free entry – start h. 21,00). La grossa novità del 2016 è che l’area Soundgarden sarà aperta anche di giorno, fino a settembre, con il bar e l’area food dalle ore 10.00 con area relax, area co-working e free wifi. Soundgarden si suddivide in tre zone: Art Gallery, spazio chiuso per le esposizioni artistiche, Garden Bar all’aperto e Urban Floor all’aperto circoscritta dalla cornice del padiglione bruciato.

► MOSTRA-PINO! i mille colori del lazzaro felice con mostra ROCK!
L’area al chiuso sarà sempre dedicata alle mostre e ai vernissage, ma anche ad attività di co-working e iniziative sociali e culturali. Permanente e visitabile tutti i giorni la mostra PINO! i mille colori del lazzaro felice (ingresso libero) organizzata e allestita dalla mostra internazionale ROCK! ideata e diretta dai giornalisti Carmine Aymone e Michelangelo Iossa. La mostra PINO! i mille colori del lazzaro felice, inserita nell’ambito degli eventi della sesta edizione della mostra ROCK! (al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli dal 9 luglio al 4 settembre 2016) e realizzata col supporto dei collezionisti Francesco De Martino e Vincenzo Calenda, racconta una lunga storia sospesa tra poesia, suoni, immagini in cui viene ripercorsa tutta la carriera dell’autore di “Napule è”: su numerosissimi pannelli descrittivi gli appassionati potranno immergersi nel mondo del cantautore partenopeo attraverso la sua discografia dettagliata, la ricostruzione delle sue collaborazioni, i suoi live/tour, le prime pagine delle riviste da lui “conquistate” nel corso di più di 30 anni di carriera, curiosità, spartiti … il tutto condito da una gallery fotografica d’autore di Dino Borelli su “I luoghi di Pino” (immortalata anche sul volume edito da Rogiosi Editore “Napule è. I Luoghi di Pino Daniele” scritto da Carmine Aymone e Michelangelo Iossa).

“Il presente sito non è un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare” e per questo non è tenuto alla registrazione presso il tribunale.
Iscriviti alla Newsletter